Lo sport come riabilitazione Successo delle Maffimpiadi

CECINA. Sport, solidarietà, e una mano tesa per aiutare ad affrontare la disabilità. Questo il senso delle Maffimpiadi, iniziativa giunta alla seconda edizione che quest’anno ha coinvolte oltre agli ospiti delle strutture della Fondazione Maffi anche la scuola, con gli alunni della media Galilei. Hanno partecipato 6 assistiti di Mezzana, Cecina, Rosignano e Palazzi: 4 deambulanti e 2 con deficit motorio.

A dare il via ai giochi una partita di hockey solidale che ha visto impegnati anche gli ospiti di altre strutture (Santa Caterina di Collesalvetti, Fivizzano e Olmarello) insieme agli alunni delle classi terze L e H della Galilei. Alle 11 sono iniziati i giochi consistenti in un percorso psicomotorio che ha coinvolto i partecipanti in una serie di attività che impegnavano l’uso del corpo e della mente. Dopo il pranzo, nel giardino del settimo reparto della Rsa di Palazzi si è svolto il «Crucimaffi» al quale hanno partecipato tutti gli assistiti. Ogni squadra doveva scegliere un rappresentante che aveva a disposizione un oggetto da usare per prenotare la risposta (fischietto, campanella, etc.), gli altri potevano aiutarlo. L’arbitro leggeva la definizione. Quindi si è svolto il terzo gioco intitolato «Prendi il tuo colore» a cui hanno partecipato gli assistiti con deficit motori. Molto partecipata e coinvolgente, la sfida di ballo in cui si è distinta la squadra della Casina Rossa sulle note di Boombastic del rapper Shaggy. Alla fine, solo per la cronaca, a prevalere è stata la squadra della Rsa di via Montanara a Cecina.

da “Il Tirreno”
articolo ogirinale

Lascia un commento